STERZI
COLLEZIONI MARIO PEDRALI  
STERZI
STERZI     STERZI    
  CHI SIAMO
  DOVE SIAMO
STORIA DI UN MITO
  I MODELLI
  IL MOTORE
  IL TELAIO
  I RECORD
  PHOTO GALLERY
  EVENTI
   
  CONTATTI
  HOME
   
 
 
Privacy Cookie Policy
LE MACCHINE DA SCRIVERE
 
STORIA DI UN MITO - 1953-1954 Il Grande Sviluppo
 
E’ in questi anni che, accanto ai modelli da 125 cc, vengono presentate moto leggere da 160 cc., che pure mantengono il motore a due tempi. Tra queste, ricordiamo il "Comfort", moto leggera a ruote di medio diametro con una linea assai accattivante. Sempre in questi anni, nel listino spuntano anche i modelli da 175 cc. a quattro tempi, con motore monocilindrico verticale a valvole in testa, comandate da aste e bilancieri. Il modello è contraddistinto da cambio a quattro velocità, telaio in tubi profilati, forcella anteriore telescopica e sospensione posteriore a forcellone oscillante con ammortizzatori telescopici. La velocità arriva ora a 105 chilometri orari. Sempre a quel periodo va ricondotto il motocarro con motore da 160 cc a due tempi (350 chilogrammi).
Restando alla "Comfort", ci piace citare un’edizione di "Moto Ciclismo" del 1954. "Col modello “Comfort” di 160 cc. a due tempi - si legge - la Sterzi intende soddisfare le esigenze di una clientela sempre più larga che ambisce al possesso di macchine di tutto riposo nel vero senso della parola: cioè dotate di motore capace di fornire una ragguardevole potenza, pur avendo qualità funzionali alquanto pacifiche. Semplicità di comando senza richiedere una certa “specializzazione”; robustezza a tutta prova, larghi margini di resistenza e di insensibilità alla trascurata manutenzione, modesto consumo, forte capacità di sovraccarico, un gradevolissimo comfort di marcia e infine un
costo d’acquisto e di esercizio di larga accessibilità". Parole che confermano a pieno la coraggiosa filosofia di casa Sterzi, disposta ai più grandi sacrifici pur di accontentare sotto ogni aspetto la propria clientela. Del resto, sempre citando l’autorevolissima rivista di cui sopra, ricordiamo un altro spunto giornalistico del 1954 in merito alla filosofia Sterzi. "La Sterzi si è guadagnata presso il pubblico una invidiabile fama di serietà ed eccellenza. Essa infatti ha sempre puntato più sulla qualità che sulla quantità. Del resto, a fare fede della perfezione del prodotto stanno le numerose affermazioni in campo sportivo, soprattutto di regolarità, tra cui brilla".
 
<< indietro
pag. 4 di 9
 
 
COLLEZIONE MARIO PEDRALI Museo San Fedele
Piazza V.Rosa - Palazzo Zamara - Palazzolo Sull’Oglio (BS) Tel. +39 335 6082376 info@collezionipedrali.it