Collezioni Mario Pedrali Collezioni Macchine da Scrivere, Calcolo e da Ufficio d'Epoca
 
   
  LE MACCHINE DA SCRIVERE
LA STORIA
  CALCOLATORI
  REGISTRATORI DI CASSA
  STAMPA TIPOGRAFICA
  DOVE SIAMO
  EVENTI
   
  CONTATTI
  HOME
   
 
 
Privacy Cookie Policy
LE MOTO STERZI
 
LA STORIA: 1855 - NASCITA DELLA MACCHINA PER SCRIVERE
È merito di un italiano, l’avvocato Giuseppe Ravizza, l’aver brevettato a Torino il 1° settembre 1855 il “Cembalo Scrivano”, strumento rivoluzionario di scrittura, così denominato perché presentava una piccola tastiera simile a quella dei cembali sulla quale erano dipinte le lettere dell’alfabeto e i segni di interpunzione.

Fu il primo a creare una macchina a scrittura visibile precedendo di circa un ventennio ogni altro inventore.

Dotato di pensiero di scienziato e abilità di artigiano, costruì ben 17 modelli del suo Cembalo apportando ogni volta modifiche e migliorie.
Nonostante il successo, non riuscì mai a trovare uno sponsor che lo sostenesse nella produzione industriale del suo modello.

Quando il vero inventore della macchina per scrivere morì a Livorno il 30 ottobre 1885, povero e abbandonato, in Italia si diffuse la Remington, favorendo l’errata convinzione della paternità americana.
Il "Cembalo scrivano" di Giuseppe Ravizza 1855
Il "Cembalo scrivano" di Giuseppe Ravizza 1855
Museo nazionale della Scienza e della Tecnica Milano
 
 
COLLEZIONE MARIO PEDRALI Museo San Fedele
Piazza V.Rosa - Palazzo Zamara - Palazzolo Sull’Oglio (BS) Tel. +39 335 6082376 info@collezionipedrali.it